Connect with us

Cultura

MANN, ’19:34′ anteprima digitale della mostra a 40 anni da sisma del 1980

Avatar

Pubblicato

il

ph De Lillo

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ricorda l’anniversario del terremoto del 23 novembre 1980 con l’anteprima digitale della mostra “19:34/Quaranta anni dopo/La storia in presa diretta. Fotografie di Antonietta De Lillo” (rinviata al 2021 a causa della chiusura del musei).

Da domani parte dei contenuti saranno disponibili sui canali social del museo e sul sito di marechiarofilm, che detiene l’archivio con gli scatti inediti. “Trasmettere la memoria viva di ciò che è accaduto 40 anni fa è oggi, in piena emergenza Covid, ancora più significativo – spiega il direttore del MANN Paolo Giulierini – Insieme al ricordo della tragedia vogliamo comunicare alle giovani generazioni anche e soprattutto la capacità di rinascita e di solidarietà, che trasmettono le immagini di questa mostra. Racconteremo anche la storia del MANN: fondamentale fu infatti l’apporto che proprio i giovani diedero a quella rinascita post terremoto, dallo sviluppo del nostro laboratorio di restauro, alla definizione di una vera e propria coscienza archeologica della città. Oggi studi per l’antisismica ci vedono impegnati con l’Università di Napoli Federico II, in rete con i musei della California e del Giappone”.

Le fotografie selezionate sono state scattate da De Lillo, che iniziò come fotogiornalista prima di dedicarsi alla regia (tra i suoi film ‘Il resto di niente’, ‘Il Signor Rotpeter’), a Sant’Angelo dei Lombardi, Laviano ed in altri centri dell’Irpinia. Nell’anteprima digitale anche le foto dall’Archivio Fotografico del MANN che testimoniano i danni subiti nell’1980 e un video con il contributo del prof. Antonio De Simone.

Leggi di più
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Ermal Meta: “Baratterei la vittoria a Sanremo con lo scudetto del Napoli”

Avatar

Pubblicato

il

Ermal Meta è intervenuto quest’oggi sulle frequenze di radio Kiss Kiss Napoli rilasciando alcune dichiarazioni: “Sono tifoso del Napoli. Mi fa molta rabbia vedere la squadra così giù in classifica. Ma alcune squadre sono così, si amano e basta. A De Laurentiis consiglierei di tenere Gattuso ma anche di rinforzare un po’ la squadra, soprattutto a centrocampo. Vedere Ibra al Napoli sarebbe figo. Ma serve un centrocampo più forte, il Napoli è una squadra iconica. Lavezzi e cavani mi hanno emozionato. Un Barella lo vedrei benissimo in azzurro. Messi si nasce Gattuso si diventa. Giocare in uno stadio senza tifosi è più dura rispetto a cantare senza pubblico. Mi piace il Bari ed il Napoli, saluto De Laurentiis che indubbiamente è il mio presidente, a lui gli direi SI PUO’ DARE DI PIU’. Forza Ringhio cento volte. Tra la vittoria al Festival e lo scudetto al Napoli sceglierei lo scudetto al Napoli. Sarebbe fantastico”

Leggi di più

Cultura

San Carlo, Città Metropolitana investe 3 mln per attività artistica e superare precariato

Avatar

Pubblicato

il

Il Capo della Segreteria politica del Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, Enrico Panini, ha dirama la seguente nota:

“Importante incontro in Città Metropolitana con le Organizzazioni sindacali del Teatro San Carlo Slc CGIL, Fistel CISL, UILCOM, FIALS.
Non solo è stata l’occasione per ribadire l’impegno del Sindaco de Magistris e di tutta Città Metropolitana a sostegno del San Carlo ma, soprattutto, è stata l’occasione nella quale informare che il percorso per il superamento del precariato nell’attività coreutica e nella danza hanno messo le prime fondamentali radici.”

“I Sindacati sono stati, infatti, informati che nella giornata di lunedì 1 marzo dalla Città Metropolitana, per volontà di Luigi de Magistris, verranno accreditati 3 milioni di euro al Teatro. Questo accredito e l’adozione dello schema tipo di dotazione organica delle fondazioni lirico-sinfoniche da parte dei Ministeri competenti rendono finalmente possibile l’ampliamento degli organici del Teatro San Carlo, portando il numero complessivo del coro a 80 unità e quello del corpo di ballo a 40 unità. Si concretizzano, in questo modo, gli accordi assunti tra lo stesso Teatro San Carlo, le Organizzazioni sindacali e la Città Metropolitana di Napoli.”

“Le Organizzazioni sindacali hanno espresso soddisfazione per questo importante passo avanti ed hanno confermato il loro impegno affinché gli accordi definiti si realizzino speditamente, rafforzando anche con questo importante fatto – in un momento nel quale l’attività artistica del San Carlo risente del pesante momento che stanno attraversando la Città ed il Paese in piena emergenza Covid-19 – la necessità che l’attività dei luoghi della cultura e dell’arte riparta al più presto.”

Leggi di più

Cultura

Pompei, scoperto Carro da parata integro: mai rinvenuto finora in Italia

Avatar

Pubblicato

il

Ennesimo reperto straordinario ritrovato a Pompei.
Durante lo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, a nord di Pompei, oltre le mura della città antica, è emerso integro un grande carro cerimoniale a quattro ruote, con i suoi elementi in ferro, le bellissime decorazioni in bronzo e stagno, i resti lignei mineralizzati, le impronte degli elementi organici (dalle corde a resti di decorazioni vegetali).

Il ritrovamento è avvenuto nel porticato antistante alla stalla (dove già nel 2018 erano emersi i resti di 3 equidi, tra cui un cavallo bardato), nell’ambito dell’attività congiunta, avviata nel 2017 e alla luce del Protocollo d’Intesa sottoscritto nel 2019, finalizzati al contrasto delle attività illecite ad opera di clandestini nell’area.

“Un ritrovamento eccezionale, non solo perché aggiunge un elemento in più alla storia di questa dimora, al racconto degli ultimi istanti di vita di chi abitava la villa, e più in generale alla conoscenza del mondo antico, ma soprattutto perché restituisce un reperto unico – mai finora rinvenuto in Italia – in ottimo stato di conservazione”, si legge in una nota del sito archeologico.

 

Leggi di più

News

Scroll Up